Guardiola: “Il Bayern mi ha capito, siamo quasi al top”

49
0
CONDIVIDI

Pep Guardiola e il Bayern Monaco, sono sempre di più in sintonia. Sembrano lontane infatti le polemiche sull’assenza di gioco e sulla “trasformazione” del Bayern, da squadra contropiedista a “squadra di possesso”. Ormai tutti remano dalla stessa parte, con i campioni d’Europa che hanno riconquistato anche la vetta della Bundesliga dopo quella del girone di Champions. Il primo ad essere felice di tutto questo è proprio Guardiola, che in un’intervista al magazine del club, elogia i suoi giocatori per la velocità di adattamento alla sua idea di gioco: “I calciatori sono stati fantastici perchè in brevissimo tempo hanno capito le mie idee. Pensavo ci volesse di più invece siamo quasi al top in poco tempo. Abbiamo già raggiunto un alto livello di gioco e saremo ancora più competitivi quando avremo recuperato tutti gli infortunati”.

Una delle peculiarità del metodo Guardiola, è la sua gestione assoluta del gruppo: “Nel Bayern sono tutti importanti. Più partite si giocano e più giocatori devi avere a disposizione. Non posso pensare che calciatori come Lahm o Ribery, possano giocare tre partite di 90′ ogni tre giorni. Tutti devono mettersi a disposizione e accattare le mie decisioni. Chi non lo fa, allora può accomodarsi tranquillamente in tribuna. Ripeto, potremo essere ancora più competitivi ed arrivare a giocarci tutti i nostri obiettivi fino in fondo, solo se tutti i componenti della squadra daranno il loro apporto al massimo”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS