TOP 15: i calciatori fumatori più famosi

2448
0
CONDIVIDI

Un atleta non dovrebbe fumare, sia per la propria salute che per le prestazioni sportive. Ci sono però casi particolari di atleti, o meglio, calciatori, che si sono rivelati vincenti nonostante il vizio del fumo. Ecco i 15 calciatori fumatori più famosi di sempre:

  • Socrates: ex capitano della nazionale brasiliana scomparso lo scorso anno, all’età di 57 anni.
  • Johan Cruyff: il leggendario campione di Ajax e Barcellona è stato per anni un fumatore.
  • Gigi Riva: anche uno dei più forti centravanti della storia del nostro calcio fumava regolarmente 10 sigarette al giorno.
  • Gianluca Vialli: il campione di Sampdoria e Juventus non poteva fare a meno delle sue sigarette. Pensate che si mise a fumare anche durante un’udienza alla procura di Torino.
  • Platini: ai tempi della Juventus, Le Roi si rilassava con una sigaretta nella pausa tra primo e secondo tempo.
  • Zinedine Zidane: anche il capitano della Francia era amante del fumo. Più volte venne pizzicato con una sigarette tra le dita.
  • Stefano Tacconi: altro bianconero amante delle sigarette. Ha ammesso più volte di aver fumato durante gli intervalli, insieme a Platini.

  • Robert Prosinecki: il pilastro della Croazia anni ’90 era solito fumare 40 sigarette al giorno.

  • Milan Rapajic: l’attaccante croato visto in Italia con le maglie di Perugia e Ancona era anch’esso un fumatore incallito.

  • Dario Hubner: altro bomber, altro fumatore. Anche lui fumava durante la pausa tra primo e secondo tempo.

  • Giorgio Chinaglia: il simbolo della Lazio di Maestrelli era un fumatore.

  • Bruno Conti: la famosa ala romanista era un fumatore, e in quella Roma anche il bomber Pruzzo e Sebino Nela condividevano il suo stesso vizio.

  • Fabien Barthez: il portiere francese campione del mondo provava a nascondersi, ma tutti sapevano che fumava.
  • Osvaldo Ardiles: questo elegante centrocampista argentino, protagonista del trionfo nel mondiale del 1978, fumava 40 sigarette al giorno.

  • Mario Balotelli: infine arriviamo all’attaccante del Milan. L’ex allenatore Roberto Mancini lo pizzicò con una sigaretta e lo escluse dalla lista dei convocati.

fonte | Eurosport

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS