Alienware M17X R5: la recensione

8524
2
CONDIVIDI

Fedeli lettori, eccoci di nuovo qui dopo queste speriamo bellissime vacanze, per descrivervi quello che da sempre per noi appassionati di Computer rappresenta il Must da avere assolutamente. Quanti di voi, soprattutto maschietti, avete desiderato almeno una volta guidare un Hammer per sentirvi i più grandi, cattivi e prepotenti del mondo? Beh oggi noi “malati” di elettronica abbiamo avuto la possibilità di provare questa sensazione usando un mostro di PC, fuori da qualsiasi canone e praticamente inclassificabile nel suo genere.

Enorme, pesante, potentissimo, spigoloso, spaziale e chi più ne ha più ne metta, insomma in altre parole un alieno in terra: insomma un Alienware! Come concerne a chi vuole essere guardato e ammirato questo portatile (?) esagera in tutto a cominciare dalle sue dimensioni tutt’altro che contenute 4,1cm di altezza X 45 cm circa di larghezza e 30 cm di profondità e poi che dire del peso? 4,26 kg  di massiccia corazza, e tecnologia.

Design e materiali

[slider crop=”yes” slide1=”http://www.overpress.it/wp-content/uploads/sites/2/2013/10/Alienware-M17X-R5-lato-superiore.jpg” slide2=”http://www.overpress.it/wp-content/uploads/sites/2/2013/10/Alienware-M17X-R5-retro.jpg” slide3=”http://www.overpress.it/wp-content/uploads/sites/2/2013/10/Alienware-M17X-R5-back.jpg”][/slider]

L’ m17x si presenta spigoloso con linee forti e tagli duri che prendono spunto dall’aereonautica militare precisamente dalle linee degli aerei invisibili Stealth, il tutto reso ancora più futuristico dal sapiente uso di Led sia sullo chassis del portatile sia sul piano dove risiede la tastiera. In questa versione (r5) i led sono sicuramente meno invasivi delle precedenti versioni e ben più eleganti, a portatile chiuso il led si presenta come una linea di poco più di un mm che percorre tre lati del PC interrompendosi esclusivamente sull’anteriore in corrispondenza della punta frontale, inoltre sulla copertura del portatile oltre all’immancabile Alieno illuminato si presentano due rette trasversali inclinate sempre illuminate quasi ad indicare l’alieno…

Questo uso di Led rende l’aspetto dell’alinware estremamente accattivante e soprattutto con tutte le possibili varianti di colore dei Led, gestibili tramite apposito software, non ci si stanca mai di ammirare questo gioiello.

La parte posteriore del portatile è quella meno spettacolare, anche se i grigliati di aerazione massicci che lasciano intravedere il metallo dei dissipatori hanno il loro fascino, ma riserva la funzione più importante per un portatile con la potenza e le caratteristiche di un fisso e cioè rappresenta il punto di scambio del calore con l’esterno per un raffreddamento davvero impressionante grazie anche all’importante bocchettone d’aria sulla base da cui le ventole aspirano aria fresca (si riesce a giocare continuatamente per più di 8-10 ore senza che il portatile si surriscaldi o perda colpi).

Anche i materiali di costruzione sono importanti stiamo parlando di una lega di magnesio rinforzata colore alluminio, in grado di resistere efficacemente a forti pressioni e urti accidentali, nonché grazie ad un trattamento gommato esterno e ad un tono opaco riesce a coprire bene i segni delle ditate.

Tastiera e Touchpad

Alienware M17X R5 led colorati

Aperto il coperchio del portatile ammiriamo la tastiera completamente retroilluminata (lettere) dotata di tastierino numerico, caratterizzata da tasti lineari abbastanza grandi (area utile circa 1,7cm) con ottima risposta ed efficacia, escursione breve e abbastanza ammortizzata che rende comunque la tastiera confortevole ed efficace,nel complesso è decisamente difficile commettere errori di digitazione.

Il tastierino numerico è in linea con i modelli paragonabili se non fosse per la completa retroilluminazione dalla quale vengono però esclusi gli ampi tasti, le sue dimensioni non sono esagerate pur avendo a disposizione molto posto ma, viste le poche velleità di portabilità chi veramente ne sentirà la mancanza? Comunque stiamo parlando di una superficie di 10cm X 5,5cm.

Da segnalare sulla tastiera la presenza di tasti configurabili in linea Alienware e di un comodo tasto per switchare fra le schede video (integrata e dedicata).

Caratteristiche Hardware

Il mostro che abbiamo in nostro possesso è dotato, come ovviamente ci si aspetta, di caratteristiche al Top,  di cui vi riassumo brevemente:

  • Processore Intel i7 – 4800MQ Quad Core da 2,7 GHz aumentabili fino a 3,7 GHz, 6 Mbyte di cache;
  • RAM 16 Gbyte DDR3L da 1,6GHz;
  • HD doppia memoria di massa 1) ssd liteon da 256 Gbyte mSATA (componente fuori standard non disponibile sulle versioni acquistabili) 2) HD WDC SATA da 750 GByte e 7200 rpm con velocità di 3Gb/s;
  • Scheda Video doppia con modello Intel HD 4600 integrata e NVIDIA GeForce GTX 780M con 4 GByte GDDR5;

Test video m17x

  • Schermo da 17,3 pollici opaco WLed  AntiGlare con risoluzione FHD max 1920X1080 accreditato di circa 280 cc/m2 che consentono una buona visuale anche in condizioni climatiche intense, ottime le immagini sempre in ogni circostanza, colori vividi mai eccessivamente accesi e soprattutto decisamente fedeli alla realtà. Caratteristiche che rendono il pannello adatto sia alla visualizzazione di film in HD sia al gaming puro;
  • Lettore ottico combo Bluray/DVD RW di tipo slot-in;
  • Scheda audio chipset integrato e altoparlanti anteriori decisamente potenti di qualità più che buona con resa sonora ampia e ben bilanciata;
  • Webcam integrata nello chassis del monitor dotata di 3 Megapixel.

Connettivita

Alienware M17X R5 lato

Anche in questo caso caratteristiche veramente importanti:

Lato sinistro:

  • 1 X jack 3,5 cuffie
  • 1 X jack 3,5 mic
  • 1 X jack 3,5 combo
  • 1 X midiDisplay port
  • 2 X USB una condivisa con esata
  • 1 X HDMI 1.4 uscita audio e video e 1.3 ingresso audio e video

Lato destro:

  • 1 X lettore schede memoria 9 in 1
  • 2 X USB
  • 1 X rj45

Sono inoltre presenti connessioni wireless di tipo Bluetooth 3.0 e Wi-Fi a/g/n+.

Prestazioni, autonomia e raffreddamento

Alienware M17X R5 back2

Beh, che dire? Un portatile mostruoso in termini di potenza con prestazioni eccezionali in ogni ambito, sia lavorativo sia ludico, ovviamente però viste le sue dotazioni hardware in quest’ultimo ambito eccelle regalandoci sensazioni incredibili sparando la grafica di titoli pesantissimi come the witcher 2, o crysis 2 al massimo con una bella dose di Anti aliaising per condire il tutto, senza che si abbia un minimo segno di cedimento e con un numero di frame per secondo massimi dell’ordine di 60/75 a seconda del titolo e della risoluzione massima impostata.

Il senso di potenza e reattività che emana questo dispositivo è ben evidente fin dalle prime fasi dove il boot del PC con Windows 8 non dura più di una manciata di secondi. Ovviamente come siamo abituati a fare per ogni recensione vi pubblichiamo gli screenshots dei nostri test ma, vi assicuro che usarlo è ancora più soddisfacente.

test pc novabench m17x

Mi trovo a dover parlare ora di quella che probabilmente è l’unica nota stonata di questo splendido portatile, l’autonomia. Già, proprio quella che sui portatili è importantissima e che ovviamente su un prodotto come questo purtroppo non eccelle, cominciamo col dire che evidentemente questo PC non è proprio un portatile perché per garantire certe prestazioni è indispensabile l’alimentatore, e soprattutto perché peso e dimensioni (anche dell’alimentatore!) non sono certo delle più agevoli per favorire la trasportabilità, tuttavia se si opta per una macchina del genere sfido io a cercare nell’autonomia il cavallo di battaglia.

Parliamo di qualche numero però per farvi rendere conto di come la batteria in questo portatile sia purtroppo insufficiente:

  • Navigazione internet e uso tradizionale poco meno di 3h e 1/2;
  • Visione film meno di tre ore;
  • Lavoro intenso con più applicativi si scende anche a meno di 2 ore.

Altra caratteristica non eccelsa è sicuramente la rumorosità che ovviamente si manifesta non appena si chiede qualcosa in più a questa macchina ma che evidenzia la straordinaria efficienza del sistema di raffreddamento che permette sessioni di gioco di diverse ore senza la minima inefficienza del processore e mantenendo tiepida la quasi totalità della macchina (eccezion fatta per la parte in cui è incastonato il solo tasto di accensione).

Conclusioni

Alienware M17X R5 tastiera

È un PC eccezionale, per gli amanti dei videogiochi, con una linea unica e inconfondibile e caratteristiche Hardware di prima fascia, che permettono l’esecuzione di qualsiasi titolo videoludico senza alcuna preoccupazione e limitazione eccellente nelle finiture e nella scelta dei materiali. Dell con i suoi applicativi per la gestione delle innumerevoli funzioni avanzate del portatile eccelle offrendoci un ventaglio di software utili alla diagnostica, manutenzione e al cambio del look!

Nell’aprire questa recensione vi ho paragonato questa macchina alla sensazione di guidare un Hammer, beh purtroppo non solo la sensazione è paragonabile alla macchina americana ma anche il costo che con facilità supera i 2000€, rendendo questo gioiello di fatto un bel sogno per molti di noi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • ernesto pellegrino

    mostruoso

  • Davide Di Nota

    ma dove si può comprare? girando sul sito della dell e della alienware non riesco a trovare questo modello specifico