Schweinsteiger, 100.a presenza e un sogno: “Voglio il mondiale”

125
0
CONDIVIDI

Venerdì prossimo contro l’Irlanda, a Colonia, Bastian Schweinsteiger taglia il traguardo delle 100 presenze in nazionale. L’ennesimo successo per un ragazzo spesso criticato in passato per il suo carattere, ma che poi divenuto uomo, è riuscito a diventare uno dei centrocampisti più forti del mondo. Da quel lontano 2004, anno della sua prima apparizione in nazionale maggiore, sono cambiate molte cose sia in lui che in tutto il movimento calcistico tedesco. Adesso la Germania è una nazionale piena di stelle internazionali, ammirata e temuta da chiunque e presa addirittura ad esempio per gioco e integrazione. Lo stesso dicasi per il suo Bayern Monaco, al momento forse la squadra più forte del mondo.  E li’, in mezzo al campo, c’è sempre lui che guida Bayern e nazionale con spirito guerriero. Dopo mille successi personali e di club, manca solamente qualcosa per chiudere degnamente un cerchio perfetto e restare per sempre nella storia: vincere la Coppa del Mondo con la sua Germania. Nel ritiro di Dusseldorf, il centrocampista di Kolbermoor in conferenza stampa, ha messo proprio il titolo mondiale al centro dei suoi obiettivi prossimi:

“Da quando feci il mio esordio in nazionale ad oggi, sono cambiate tante cose” – ha detto Schweinsteiger – “credo sia arrivata l’ora di regalare a noi e alla nostra gente una vittoria molto importante. Sappiamo di avere una grande nazionale ma allo stesso tempo sappiamo che ne troveremo almeno altre 5/6 di uguale valore. Siamo però una nazionale piena di grandi campioni ed i grandi campioni dimostrano il loro valore nei momenti decisivi. Per questo sogno di vincere il mondiale con questo gruppo meraviglioso”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS