La gamba bionica che usa i nervi umani

431
0
CONDIVIDI

Una “nuova” gamba per coloro che hanno perso gli arti. Dopo il braccio bionico, arriva la gamba capace di leggere i segnali celebrali. Il progetto è stato finanziato dall’esercito statunitense e costato 8 milioni di dollari. A fare da cavia, se così si può definire, è stato Zac Vawter, un programmatore di 31 anni che perse una gamba in un incidente in moto.

La gamba bionica è capace di tradurre i movimenti che il paziente ha intenzione di compiere grazie ad un computer integrato che elabora i segnali dei nervi. Ciò è stato possibile grazie ad una “reinnervazione mirata“, in cui i nervi del muscolo danneggiato sono stati rediretti verso quelli sani della coscia. Il prototipo è stato sperimentato sui 103 piani delle Willis Tower di Chicago. A quanto pare però il progetto avrà seguito. Infatti, uno degli sviluppatori, vorrebbe renderlo più leggero, silenzioso e con batterie più efficienti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS