iMmondizia: l’applicazione che aiuta i romani con la raccolta differenziata

1322
1
CONDIVIDI

La raccolta differenziata può spesso risultare difficile, soprattutto quando non conosciamo che tipo di prodotto stiamo per buttare. A tal proposito ci viene in aiuto una comoda applicazione rilasciata su App Store qualche giorno fa e dedicata completamente agli utenti romani: iMmondizia. Sviluppata da Andrea D’Aiuto, iMmondizia ci mette a disposizione una vasta lista di prodotti, indicando la tipologia di rifiuto e il punto di raccolta più vicino, grazie all’integrazione di una comoda mappa. Ecco la lista delle principali funzioni:

  • ricerca veloce di oltre 300 oggetti con indicazione immediata della modalita’ di smaltimento;
  • dettaglio, per oggetto, della modalità di smaltimento;
  • ricerca (per gli oggetti ingombranti, pile e farmaci) del centro di raccolta piu’ vicino a te;
  • navigazione turn by turn verso il centro di raccolta selezionato;
  • informazioni utili sulla raccolta differenziata e sugli interventi a domicilio;
  • possibilità di impostare il municipio preferito per conoscere gli orari di raccolta delle varie tipologie di rifiuto;
  • possibilità di inviare l’sms per segnalare il cassonetto pieno;
  • possibilità di visualizzare i dettagli del calendario di raccolta per ogni municipio.

iMmondizia

Al di là delle numerose funzioni, vanno segnalate due piccole imperfezioni che a nostro avviso, dovranno essere corrette nel minor tempo possibile. Innanzitutto il design: pur essendo stata rilasciata pochi giorni fa, iMmondizia non è ancora in linea con l’interfaccia di iOS 7. Inoltre, per quanto riguarda la funzione “Mappa”, questa, a causa del numero elevato di punti di raccolta, tende a rallentare se non addirittura bloccare temporaneamente il dispositivo, sopratutto quando quest’ultimo non possiede un hardware recente.

iMmondizia richiede iOS 5.1 o successivi ed è possibile acquistarla per 0,89 € tramite questo link.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Max Rocca

    Ma se usassimo il cervello anziche un app??