Draxler: “Io e Boa siamo l’arma letale dello Schalke”

76
0
CONDIVIDI

Da tre partite ad oggi, sembra di essere andati avanti 10 anni. Lo Schalke 04 è finalmente diventato una squadra vera, capace di vincere sia in campionato che in Champions League. Tutto ha coinciso con l’arrivo a Gelsenkirchen di Kevin Prince Boateng, giocatore che ha portato alla Royal Blue la cattiveria e l’esperienza che mancavano. Non solo l’ex milanista è andato in gol per due partite consecutive ma anche la squadra non ha subisce reti da 270′ e giocatori come Howedes e Draxler, sembrano davvero rinati. Anche se Boateng fa di tutto per non prendersi i meriti di questo repentino cambiamento, ci pensano i compagni di squadra a tenersi stretto il loro campione, iniziando finalmente a sognare in grande. Uno su tutti è il talento Julian Draxler, finalmente tornato sulla fascia sinistra dove è libero di liberare la sua velocità e la sua fantasia.  In un’intervista al sito Bundesliga.de, il talento di Gladbeck racconta i perchè del suo momento magico. Venerdì (domani, ndr) compierà 20 anni, festeggiati già alla grande grazie al primo gol stagionale in Champions League:

“Vincere 3-0 ti fa stare bene e ti da consapevolezza. Se poi fai anche gol ti fa ancora meglio, (ride, ndr). Stiamo crescendo tantissimo ed i risultati positivi ti spingono a volere sempre di più. Adesso dobbiamo continuare a lavorare con tranquillità continuando questo processo di crescita”.

L’arrivo di Boateng ha cambiato sia lo Schalke che Draxler:

“Kevin ci ha dato grande slancio ed esperienza. Per quanto mi riguarda mi ha aiutato molto, soprattutto perchè lui adesso agisce da dieci e mi consente di giocare sulla fascia. Li mi trovo meglio, posso dialogare con lui e con Adam Szalai con più velocità riuscendo spesso ad andare anche al tiro. Posso dire però che l’intesa va ancora migliorata e tutti noi possiamo fare meglio. Non dimentichiamo poi che manca anche un campione come Huntelaar in avanti. Se fortifichiamo ancor di più la nostra intesa,  io e Kevin possiamo essere l’arma letale dello Schalke”.

Sabato arriva il Bayern Monaco, per una sfida che può definitivamente far decollare le ambizioni della compagine di Keller. Draxler mette però in guardia i suoi:

“Affrontiamo la squadra più forte di Germania. Dovremo disputare una partita perfetta ma batterli sarebbe un sogno. E poi si, che festeggerei alla grande il mio compleanno”.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS