Peters: “Boateng è andato via per colpa del razzismo”

27
0
CONDIVIDI

“Boateng è voluto andare via dall’Italia per colpa del razzismo”.

A rivelarlo è il Direttore Finanziario dello Schalke 04, Peter Peters, al quotidiano Bild, aggiungendo che lo stesso centrocampista ghanese avesse già da tempo un accordo con il presidente Berlusconi per lasciare il Milan dopo il raggiungimento della Champions League. Il giocatore però, durante la sua conferenza stampa di presentazione, aveva negato fermamente che il motivo del suo trasferimento fosse stato il razzismo. Tutta la famiglia Boateng, con in testa il fratello Jerome, sono impegnati da tempo nella lotta al razzismo soprattutto nello sport.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS