Nuovi MacBook Pro in arrivo ad ottobre con Intel Haswell

2006
0
CONDIVIDI

Dopo il rinnovo dei MacBook Air avvenuto nel mese di giugno, al WWDC 2013, Apple potrebbe lanciare i nuovi attesi MacBook Pro con Haswell nel mese di ottobre. E’ questo l’ultimo rumors riportato dal China Times in base alle news raccolte da alcuni costruttori orientali.

Non sono previste novità hardware eclatanti dal punto di vista del design. Infatti come è già avvenuto per i MacBook Air, anche i nuovi MacBook Pro manterranno probabilmente l’aspetto attuale adottando invece all’interno la nuova generazione di processori Intel Haswell. Questi ultimi vanno ad offrire un contenuto miglioramento delle prestazioni, più accentuato però nel comparto grafico integrato nel processore, ma riducono drasticamente i consumi di energia.

I nuovi MacBook Air di quest’anno offrono un’autonomia dichiarata quasi doppia rispetto ai modelli del 2012, ciò fa capire quanto conta anche nella batteria il processore, perciò è lecito attendersi miglioramenti in questo senso anche per i MacBook Pro in arrivo. Oltre a trattarsi di una anticipazione, la presunta finestra di lancio indicata nel mese di ottobre va accolta con circospezione, poiché in molte occasioni, le previsioni provengono dal mondo della produzione e possono risultare precise su specifiche e caratteristiche hardware ma decisamente meno attendibili per quanto riguarda le tempistiche attese, soprattutto nel caso di prodotti Apple.

Intel-4th-gen-haswell-chip

Ricordiamo inoltre, che nelle ultime ore sono aumentati i tempi di attesa per i Mac mini, un dettaglio che ha già portato ad ipotizzare l’arrivo di nuove versioni con Haswell. L’ultimo, ma non per importanza, è l’iMac, per il quale ha parlato Ming-Chi Kuo, uno degli analisti più accreditati in tema di previsioni su Apple, che crede fermamente in un aggiornamento verso i mesi estivi del 2014, quindi al prossimo WWDC.

Ricordiamo che in più occasioni Tim Cook e la dirigenza hanno dichiarato che Apple lancerà diverse novità in autunno le quali, crediamo, potrebbero spaziare da iPhone ad iPad, da MacBook Pro a Mac mini.

fonte | 9to5mac

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS