James, il Robin Hood dei parcheggi

34
0
CONDIVIDI

James Cleaveland lo conoscono tutti come il Robin Hood dei parcheggi. Questo perchè, ormai da qualche mese, ha deciso di dare battaglia agli operatori del traffico troppo fiscali e puntigliosi.

Nella cittadina di appena 23mila abitanti, infatti, le regole da parte della polizia sono molto ferree: un’auto posteggiata in sosta può restare nel parcheggio soltanto fino a quando non scade il tempo del parchimetro; impossibile sgarrare anche solo di un minuto, perchè gli operatori sono attentissimi e severissimi. Le multe per i trasgressori, a dir la verità, non sono poi così esose: appena cinque dollari, ma la frequenza con cui esse si verificano ha trasformato il parcheggio a Kenee in un incubo per i cittadini.

Infastidito dalla pioggia di multe, Cleaveland ha deciso dunque di armarsi di pazienza e spiccioli: da tempo si aggira nei parcheggi con alcuni amici e, anticipando gli operatori del traffico, versa di tasca propria qualche moneta per regalare del tempo aggiuntivo alle auto in sosta. Da quanto viene riferito, pare che, proprio grazie a lui, negli ultimi mesi, siano state evitate oltre 2000 multe. Il gesto che compie Cleaveland è totalmente legale: si tratta di un piccolo dono che lui fa alla sua comunità. Eppure, non è gradito a tutti, in special modo alle autorità locali, le quali lo hanno adesso denunciato: l’accusa a cui il novello Robin Hood dovrà rispondere è di molestia ai danni degli operatori del traffico, poichè, anticipandoli e pagando di tasca propria la sosta, impedisce loro di far multe.

fonte | notizie

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS