Facebook Home: rivoluzionaria, ma avrà successo?

734
0
CONDIVIDI

Facebook ha presentato ieri sera Home, l’innovativa funzione attualmente disponibile su alcuni dispositivi Android e su HTC First, lo smartphone “Facebook”, che consente di tenere d’occhio gli aggiornamenti dal social network semplicemente dando un’occhiata alla schermata di blocco del dispositivo.

Facebook ha sicuramente dedicato molto impegno in questo progetto, fatto che si nota anche dalla sofisticatezza della pagina di presentazione ufficiale. È un progetto sicuramente curato nei minimi dettagli, che sarà difficile non farsi piacere per la sua fluidità e semplicità.

Alcuni dubbi, però, sorgono spontanei. Nonostante l’installazione di Facebook Home avvenga attraverso un launcher e quindi senza operazioni particolarmente complicate, va considerato che proprio per la sua complessità, è compatibile soltanto con alcuni dispositivi di fascia alta, tra cui Galaxy S3, Note II e HTC One X. Il supporto per l’S4 e l’HTC One arriveranno “in futuro”, secondo quando affermato da Mark Zuckerberg durante la presentazione.

Le possibilità di successo di Home si sono già ridotte per questo motivo e bisogna anche considerare che non tutti gli utilizzatori di smartphone desiderano essere sempre connessi a Facebook e ricevere automaticamente gli aggiornamenti ogni volta che danno un’occhiata alla schermata di blocco, magari anche solo per vedere l’ora o la data che, apparentemente, sembra non essere mostrata.

Ultima cosa da sottolineare è proprio il fatto che uno smartphone sempre connesso in modo da scaricare gli aggiornamenti dei social network automaticamente, per quanto potente possa essere performante, rischia di non consentire la durata della batteria per una giornata.

Nonostante queste osservazioni, quello presentato da Facebook è sicuramente un progetto che non avrà vita breve e che ispirerà altre idee rivoluzionarie come questa. Per avere altre informazioni su Home, vi segnalo nuovamente la pagina di presentazione ufficiale su facebook.com ed eventualmente al video della presentazione originale trasmessa in diretta su Livestream.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS