Lenovo IdeaPhone K900: i primi benchmark mostrano risultati eccezionali

797
0
CONDIVIDI

Durante il CES di Las Vegas, Lenovo ha presentato il suo nuovo smartphone, l’IdeaPhone K900, con uno schermo da 5.5 pollici e processore Intel Atom dual-core da 2GHz. Prima di questo dispositivo, le speranze di vedere un apparecchio fatto bene con componenti Intel e sistema operativo Android erano praticamente svanite ma, vedendo gli screenshot che circolano in rete, potremmo doverci ricredere.

Le immagini riferiscono che un test delle prestazioni (benchmark) eseguito con l’app AnTuTu per Android restituisce un punteggio che raggiunge addirittura i 27154 punti nel test di Tech Authors e 25481 in quello condotto da GSM Insider.

Ora, chi non se ne intende di benchmark o non ne ha mai eseguito uno deve sapere che un test eseguito con AnTuTu controlla numerevoli fattori caratteristici del dispositivo tra cui test di prestazioni e velocità di CPU, GPU e memoria per poi calcolare un valore finale che funge da indicatore di prestazioni.

Lenovo IdeaPhone K900 benchmark

Ecco, fino ad ora i punteggi visti sui migliori smartphone in circolazione, del Galaxy Note 2, per esempio, si aggirano tra i 13000 e i 15000 punti. Sarebbero quindi risultati straordinari quelli del chipset Intel integrato nello smartphone Lenovo che, ripetiamo, raggiungono e superano i 25000 punti.

Questo significherebbe anche che il nuovo HTC Droid DNA con processore Snapdragon S4 Pro, che si attesta sui 13000-14000 punti nel benchmark, offrirebbe prestazioni equivalenti alla metà di quelle dell’IdeaPhone K900.

I casi quindi sono due: o che i risultati sono stati falsificati in entrambi i test oppure i processori Intel si stanno rivelando veramente ricchi di potenzialità su smartphone e phablet.

Se così fosse, i produttori di SoC ARM, fino ad ora gli unici ad essere destinati agli smartphone, tra cui Samsung, Nvidia e Qualcomm che hanno presentato proprio in questi giorni i loro nuovi componenti vedrebbero iniziare un’altra competizione tra i due tipi di prodotti.

fonte | Androidauthority

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS