Perché Android dovrebbe temere Ubuntu for phone

2184
0
CONDIVIDI

In questo nostro articolo vi abbiamo mostrato quelle che sono le novità presentate dal team Ubuntu in merito alla futura release che verrà resa compatibile anche con gli smartphone. Ubuntu for phone mi ha stupito, devo ammetterlo. Si tratta di un sistema operativo molto simile ad Android (o ad iOS), ma con funzionalità e stili di utilizzo completamente diversi. Google ha svolto un lavoro più che eccellente con Android, mettendo a disposizione un sistema operativo che garantisce piena libertà agli sviluppatori e, di conseguenza, anche a chi lo utilizza.

Ma allora perché Android dovrebbe temere l’arrivo di Ubuntu? Beh, secondo me ci sono due aspetti molto importanti che potrebbero impensierire Google: la visualizzazione edge-to-edge priva di qualsiasi ostacolo e le gesture. Nessuno fino ad oggi aveva pensato di rendere un OS mobile a “tutto schermo”. Il team Ubuntu lo ha fatto sfruttando al massimo la piena risoluzione degli ormai giganteschi display presenti sui più performanti smartphone. Questa visualizzazione a tutto schermo sarebbe però del tutto inutile senza le annesse funzionalità di swipe, che rendono comodo l’utilizzo del sistema operativo anche con una sola mano. Queste due funzionalità potrebbero, secondo me, fare la fortuna di questo nuovo sistema operativo mobile.

Certo, mancano tutte le applicazioni presenti sul Google Play store, ma quelle mostrate fino ad ora sono molto importanti e per giunta di ottimo valore, vedi Facebook e Twitter. Per non parlare poi dello sfruttamento delle web-app, che vengono richiamate come delle normali applicazioni.

Ora aspettiamo di vedere all’opera tale O.S. durante il prossimo CES 2013, che si terrà a Las Vegas tra meno di una settimana. Se i dispositivi riusciranno a girare a dovere allora Ubuntu avrà serie possibilità di dire la sua in questo affollato settore. Sì lo so, Android può vantare partner eccellenti, come il futuro Samsung galaxy s4, l’ennesimo smartphone schiacciasassi, e schiaccia concorrenza.

Concludo questo post facendo i complimenti al team Ubuntu e bacchettando un po’ Google per aver oziato durante questi ultimi 1/2 anni, dove non ha innovato il sistema operativo ma ha solo pensato ad aggiungere qua e la delle caratteristiche che potrebbero tornare utili all’utente, vedi sblocco facciale, caratteristica innovativa ma che nessuno (o quasi) usa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS