Parallels Desktop 8 per Mac: la recensione

2753
1
CONDIVIDI

Grazie alla disponibilità di Parallels abbiamo avuto la possibilità di provare per voi Parallels 8 Desktop per Mac, la nuova versione del famoso software di virtualizzazione.

Il Mac è un computer eccezionale per affidabilità e stabilità ma, nonostante negli ultimi anni ci siano stati notevoli miglioramenti anche sotto questo punto di vista, non brilla ancora per compatibilità.

Può capitare infatti che molti software professionali siano disponibili ancora soltanto per Windows: decisamente una bella grana. Anche se tramite l’utility Boot Camp è possibile installare Windows su Mac, rimane comunque non agevole passare da un sistema operativo all’altro e soprattutto non è possibile copiare e incollare documenti.

Parallels, e in particolare Parallels 8, sopperisce a questa limitazione, consentendo al sistema operativo ospite di girare su una partizione virtuale e di essere gestito alla stessa stregua di una qualsiasi altra app aperta.

Parallels 8 Desktop per Mac, a differenza della versione 7, presenta numerose novità e miglioramenti che andremo a vedere insieme nello specifico.

Estensione Apri in Internet Explorer per Safari

Questo strumento consente di passare agilmente ad Internet Explorer nel caso in cui un sito non sia compatibile con Safari.

Integrazione in Centro Notifiche

Con Mountain Lion, come sappiamo, è stato introdotto il Centro Notifiche come sui dispositivi iOS. Parallels 8 supporta questa novità inviando alert relativi all’app Parallels stessa, a Windows o alle app in esecuzione su Windows.

Impostazioni tastiera unificate

Tramite questa feauture selezionando una lingua di sistema in OS X e uno specifico layout tastiera, vedremo gli stessi settaggi applicati sulla macchina virtuale.

Drag&Drop per gli allegati email

Attualmente su Mac è possibile creare un nuovo messaggio di posta elettronica con allegato semplicemente effettuando un drag&drop sull’icona nel Dock. Questa opzione porta la stessa funzionalità nelle app Windows aperte nel Dock.

Modalità app a schermo intero

La modalità app a schermo intero, approdata sul Mac con OS X Lion, viene resa disponibile anche per le app Windows grazie a Parallels 8.

Supporto al Retina Display

Parallels 8 supporta pienamente la risoluzione Retina, adottata dai nuovi MacBook Pro Retina e ottimizza i sistemi operativi ospiti poiché la loro risoluzione sia fluida a chiara come ci si aspetta su un Retina Display.

Supporto alla dettatura

OS X Mountain Lion ha portato in ambiente desktop e laptop la funzionalità di dettatura vocale, vista con Siri da iOS 5 in poi. Parallels 8 integra la dettatura in tutte le applicazioni Windows in cui sia possibile scrivere del testo.

Windows 8 su Parallels 8

Tutte le versioni di Windows 8 sono compatibili con Parallels 8 e in Modalità Coherence la schermata Metro con tutte le app Windows viene mostrata in modo simile al Launchpad di OS X. Inoltre, dato che Windows 8 sfrutta molto gli angoli attivi, quando esso viene eseguito in modalità Finestra su Parallels, il puntatore rimane “appiccicato” alla finestra non andando a spasso sulla Scrivania del Mac in modo tale da consentire all’utente di effettuare tali gestures. Altro punto molto interessante è rappresentato dal fatto che le app Metro non funzionano sotto la risoluzione di 1024×768 pixel. Ciò significa che su schermi più piccoli di queste dimensioni, esse tenderebbero a non funzionare. Cosa succede allora se riduciamo la finestra su un MacBook Air 11″? Semplice, Parallels 8 ottimizzerà automaticamente Windows 8 per girare a tale risoluzione. L’integrazione di Windows è tale inoltre che, se lanciate a schermo intero, anche le app Metro di Windows andranno a finire in Mission Control in un’apposita schermata come le app native.

Nuova interfaccia utente di Parallels Desktop 8

Collegando uno schermo esterno o un videoproiettore al Mac, appare il nuovo Presentation Wizard che consente di gestire facilmente la connessione a tali dispositivi. La lista delle macchine virtuali adesso mostra le informazioni relative a RAM e CPU impegnate ed una nuova opzione consente di reclamare lo spazio inutilizzato dalla macchina virtuale.

Miglioramenti

  • In Parallels Desktop 8 per Mac sono stati ottenuti notevoli miglioramenti, tra cui:
  • Menu Crystal: premendo il tasto Alt, si ottiene un menu diverso dal solito dotato di molte funzioni in più.
  • Scorciatoie per le applicazioni: è ora possibile definire scorciatoie da tastiera anche per le app degli OS ospiti.
  • I drive USB vengono ora montati correttamente: non appaiono più come Network Drive, ma come unità rimovibili.
  • Supporto per OS X come sistema ospite: Parallels Desktop 8 supporta OS X come sistema ospite fino alla più recente release Mountain Lion.
  • Supporto per il Bluetooth condiviso: i dispositivi Bluetooth possono essere facilmente condivisi tra Mac e macchine virtuali.
  • Parallels Desktop 8 per Mac nella sua versione Enterprise supporta fino a 16 vCPU e 64GB di RAM.

L’impressione che ci siamo fatti dopo alcune settimane di uso del prodotto, è che esso sia molto valido. Questo è vero sia dal punto di vista delle funzionalità, che delle prestazioni e integrazione con i vari sistemi operativi ospite. Se a ciò sommiamo un prezzo non eccessivo e la possibilità di ottenere una copia gratuita di Parallels Desktop 8 se si è acquistata da poco la versione 7 e sconti se si dispone già di una versione 7 più datata, esso appare veramente ottimo.

 


Prodotto: Parallels Desktop 8 per Mac
Produttore: Parallels
Prezzo: 79€ sul sito ufficiale Parallels, 49€ come aggiornamento.
Giudizio: 10/10 – Assolutamente non riusciamo a trovare un difetto o una funzionalità assente. Ottimo sotto ogni punto di vista: un must-have per chi ha necessità di virtualizzare.
Dove Acquistare: sul sito ufficiale Parallels, sullo Store online Apple e nei migliori negozi di elettronica.
Note aggiuntive: Per le copie di Parallels Desktop 7 acquistate dopo il 25/07/12, è disponibile un programma di upgrade gratuito alla versione 8 (per maggiori info, clicca qui).


 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS