Intel Developer Forum, secondo giorno: si parla di HTML5

360
0
CONDIVIDI

Dopo avervi raccontato quanto accaduto durante il primo giorno dell’Intel Developer Forum, passiamo con il segnalarvi ciò che è stato detto durante il secondo questo. A parlare, in questo secondo giorno, è stato Renée James, Senior Vice President e General Manager Software &Services Group di Intel Corporation. Renée ha esposto la propria visione del computing trasparente, concetto che secondo lui è reso possibile solo tramite un ecosistema di sviluppo “aperto”, in cui gli sviluppatori scrivono codici eseguibili in più ambienti e su diversi dispositivi. Grazie a questo approccio, sarà possibile ridurre i compromessi finanziari e tecnici con cui devono oggi fare i conti gli sviluppatori.

Con il computing trasparente, gli sviluppatori di software non devono più scegliere un ambiente rispetto a un altro per mantenere la propria redditività e continuare a innovare. Utenti e aziende devono far fronte alla moltitudine di dispositivi e ambienti, oggi disponibili anche se incompatibili tra loro. Il problema non riguarda solo la mobilità, il cloud o il PC. Tutti questi elementi devono riuscire a offrire nell’insieme un’esperienza utente multipiattaforma, entusiasmante e trasparente, che si estenda a diversi ambienti e architetture hardware. Solo gli sviluppatori che adotteranno questo approccio riusciranno ad adeguarsi al nuovo panorama.

Anche se gli sviluppatori continuano a esprimere il desiderio di scrivere una sola volta il software da eseguire su più piattaforme, attualmente gli amministratori di questi ambienti sono poco incentivati a fornire supporto multipiattaforma. Intel ritiene che una soluzione al problema del supporto multipiattaforma possa essere l’HTML5. Con questo standard, chi progetta software non deve più scegliere tra profitti, presenza sul mercato o innovazione per i propri prodotti. Gli utenti traggono così vantaggio dalla possibilità di passare facilmente i dati, le applicazioni e le identità da un sistema operativo o da un dispositivo a un altro.

Per quanto riguarda la sicurezza, Intel vuole combinare soluzioni hardware e software progettando prodotti in collaborazione con McAfee. James ha invitato sul palco Michael DeCesare, Co-Presidente di McAfee per sottolineare l’importante ruolo rivestito dalla sicurezza in un periodo in cui le minacce diventano sempre più complesse, sia in termini di quantità che di livello di sofisticatezza. DeCesare ha inoltre evidenziato l’opportunità per gli sviluppatori di partecipare alla protezione del settore.

Parlando della direzione intrapresa da McAfee e Intel, DeCesare ha sottolineato l’importanza di comprendere l’andamento generale dell’informatica. Ha citato alcuni esempi, come le applicazioni che si spostano nel cloud e le aziende IT che cercano soluzioni per ridurre il consumo energetico, oltre ad affrontare le sfide associate ai grandi quantitativi di dati e alla consumerizzazione dell’IT. DeCesare ha inoltre sottolineato l’importanza di preservare un’esperienza utente soddisfacente e ha presentato il software di sicurezza McAfee Anti-Theft. Progettata per proteggere i beni e le informazioni personali degli utenti di Ultrabook, la versione più recente di questo prodotto nasce dalla collaborazione con Intel per lo sviluppo di software antifurto basato su tecnologie Intel che offrono protezione per dati e dispositivi.

James ha inoltre annunciato Intel Developer Zone, un nuovo programma ideato per fornire agli sviluppatori di software e aziende un singolo punto di accesso a strumenti, comunità e risorse per favorire la collaborazione. Ecco cosa offre:

  • Risorse di sviluppo;
  • Risorse per aziende: tramite lo store del centro Intel AppUp e risorse di co-marketing saranno rese disponibili opportunità di vendita e distribuzione di software a livellomondiale. Gli sviluppatori possono presentare e pubblicare app in diversi store affiliati del centro Intel AppUp per dispositivi Ultrabook, tablet e sistemi desktop. Intel Developer Zone offre inoltre la possibilità di aumentare la visibilità e la reperibilità tramite Software Business Network, vetrine di prodotti e programmi di marketing;
  • Comunità attive: con Intel Developer Zone, gli sviluppatori possono entrare in contatto con esperti del loro campo, di Intel e del settore, per condividere conoscenze, ottenere supporto e stabilire relazioni. Nella comunità dedicata agli Ultrabook, gli utenti troveranno i principali sviluppatori che condividono idee e consigli su come creare straordinarie app per Microsoft Windows 8 destinate ai dispositivi Ultrabook con funzionalità touch e sensori di ultima generazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS