Nel 2011 gli smartphone hanno superato i PC

419
0
CONDIVIDI

Secondo i dati raccolti da Canalys nel 2011 sono stati venduti più smartphone che “PC” ( e con “PC” si intende la somma di computer desktop, portatili, netbook e tablet).

Ciò non deve meravigliare più di tanto vista la straordinaria crescita del mercato di questi dispositivi che si sono trasformati in pochi anni da prodotto di nicchia a – oserei dire – oggetti di (quasi) uso comune.

I dati parlano chiaro del resto: nel solo 2011 ne sono stati venduti 487.7 milioni di esemplari, contro 414.6 milioni di “PC” venduti nel periodo corrispondente. Volendo analizzare ancora più dettagliatamente i dati, è risultato che le 2 maggiori società produttrici sono state Apple e Samsung con un numero di unità vendute rispettivamente di 93 milioni e 92 milioni.

Gli smartphone stanno avendo sempre più successo tra i ragazzi e in ambito professionale e domestico poiché consentono di accedere a internet ovunque, controllare la mail, navigare sul web, giocare e accedere ai social network con un’immediatezza inimmaginabile in ambito desktop.

Lo straordinario successo degli smartphone non deve però far cadere in errore pensando che il mercato dei “PC” sia morto, poiché nel 2011 c’è stato un incremento delle vendite pari al 15%. Non altrettanto si può dire riguardo le vendite dei PC, in flessione rispetto agli anni precedenti.

Questa apparente contraddizione può essere spiegata molto semplicemente: le vendite dei “PC” sono cresciute in conseguenza del fatto che le vendite di tablet sono cresciute.

Un tablet non è un PC, chissà quando lo capiranno. Benvenuti nell’era Post-PC.

fonte | Technobuffalo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS